Quando si dice: "l'arte del camminare"

    THOREAU-2-AdobeStock_12862925

    Bighellonare e Vagabondare. Curiosa è l'interpretazione e distinzione di questi due verbi che ho incontrato in Henry David Thoreau. Entrambe le azioni indicano un cammino,  ma è la modalità che  determina la differenza. In "Camminare" Thoreau tratta questa semplice azione

    come una vera e propria arte il cui significato più alto, a detta sua, non è noto a tutti. Molto poche sono le persone che la comprendono appieno e così è un vagabondo colui che cammina senza alcuna meta, mentre è un bighellone colui che gira, cammina, ma prima o poi raggiunge una destinazione. Un bighellone non ha una casa, ma in ogni luogo riesce a trovare una casa. Vedo racchiuso in questo senso di appartenenza, un grande senso di libertà, seppure appartenza e libertà possano essere contrari... Diretto è il richiamo al viandante puro di Herman Hesse: "Il viandante puro, questo tipo d'uomo compiutamente realizzato, non dovrebbe conoscere la nostalgia" ("CAMMINARE" H. Hesse - Piano B Edizioni)

    VEDO O NON VEDO
    PAROLE CHIAVE
     

    Commenti

    Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
    Già registrato? Login qui
    Ospite
    Giovedì, 08 Dicembre 2022
    di Francesca Girardi

    di Francesca Girardi

    Informazioni di contatto

    info@ormediscrittura.it

    Informativa Cookies

    Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili a migliorare il servizio offerto. Se vuoi saperne di più consulta la nostra Cookie Policy.
    Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.